Da ormai dieci anni il sito di fact-checkingPagella Politica analizza ogni giorno le dichiarazioni dei principali esponenti politici italiani, al fine di valutarne la veridicità attraverso numeri e fatti. L’obiettivo è quello di inserire una dose di oggettività nella dialettica politica.

Ogni anno si chiede ai lettori di segnalare la dichiarazione a loro parere più menzognera Il leader della Lega Matteo Salvini è il vincitore dell’edizione 2021 Nelle due settimane di votazioni, Salvini ha preso il 42,7 per cento delle preferenze, per una “Panzana pazzesca” detta a luglio scorso. All’epoca il leader della Lega aveva difeso in televisione Massimo Adriatici, l’assessore leghista di Voghera che ha sparato uccidendo un uomo in circostanze su cui sta ancora indagando la magistratura.
Secondo Salvini, era «normale» per un cittadino comune girare armato «se ha il porto d’armi, come accade a un milione e 300 mila italiani». Questa dichiarazione è del tutto errata. Secondo i dati aggiornati a luglio scorso, solo 15 mila “comuni cittadini” (tolte le guardie giurate, che aggiungono 40 mila licenze di porto d’arma al totale) possono girare armati in quanto titolari di una licenza per difesa personale. Il restante 98,8 per cento delle licenze (non contando le guardie giurate) sono di uso sportivo o venatorio: chi le possiede non può girare con la «pistola in tasca», come sostenuto da Salvini. Le parole sono pietre anche quando sono parole al vento.