“ELENA – L’Opera d’amore per i piccoli” debutterà in Prima Nazionale al Teatro “A. Rendano” di Cosenza  il 1° Maggio alle ore 18:00.

Grande fermento e attesa per il debutto di un’opera musicale di grande impatto scenico e musicale sulla figura mistica di Madre Elena Aiello. L’Opera  Musicale condurrà lo spettatore nel confine temporale dell’epoca in cui Madre Elena Aiello, insieme a Suor Luigina Mazza, impiega tutta la sua esistenza all’opera di protezione verso l’infanzia negata, i poveri e i reietti con totale abnegazione e la contemporanea storia di Francesca, una giovane madre strappata miracolosamente dalla morte. La linea di confine temporale è tracciata da Martina, interpretata dalla piccola attrice cantante Chiara Conti che vive una struggente lotta interiore a causa dell’improvvisa e inspiegabile assenza della madre.  Una storia in musica di grande effetto.

Due vite che si intrecciano e un miracolo che dopo un lungo processo di beatificazione ha portato Madre Elena Aiello tra i Beati calabresi riconosciuti dalla Santa Sede quale figura evangelica eroica che ha segnato profondamente la storia e continua a farlo ancora oggi attraverso l’operato degli istituti di accoglienza presenti in tutto il mondo. Le Suore Minime della Passione di N.S.G.C. che incessantemente continuano a camminare sul sentiero della loro fondatrice, insieme al postulatore della causa di beatificazione Don Enzo Gabrieli hanno accolto il progetto artistico condividendo con gioia l’ambizioso desiderio di divulgazione, oltre i confini calabresi, della figura carismatica e infaticabile  quale è stata Madre Elena .

“ELENA – L’opera d’amore  per i piccoli” nasce dalla penna di Barbara Bruni che interpreterà il ruolo di Madre Elena Aiello, Francesco Antonio Conti a cui è  affidata anche la straordinaria Regia, Maria Dora Palermo che in scena sarà Provvidenza e Mario De Lio ideatore delle suggestive composizioni musicali eseguite dal vivo insieme a Marco Rossin (Sassofoni) e Ivano Pezzulla ( Batteria). Tra gli interpreti: il Tenore Stefano Tanzillo che vestirà i panni di P. Francesco Mazza, la cantattrice Alessandra Chiarello nel ruolo di Suor Luigina Mazza e Francesco Rizzo che incarnerà la figura dell’Uomo, simbolo e metafora dell’umanità in affanno.  Un cast d’eccezione del panorama teatrale-musicale nazionale e internazionale.

In scena, accanto ai professionisti  i piccoli  e talentuosi attori (Chiara Compostella, Giuseppe Cofone, Christian Russo, Melissa Bruni, Maria Francesca Fasanelli, Aurora Guido, Simona Orrico) già allievi di Artea –  Accademia di Teatro Musica e Spettacolo che si occuperà inoltre della produzione esecutiva dell’opera. L’allestimento dello Spettacolo, per la complessità tecnica ha richiesto l’impiego di maestranze altamente professionali del settore, tutte orgogliosamente reperite nel territorio calabrese. Le scenografie virtuali con l’innovativa tecnologia del Video Mapping affidate a Nat Filice, Valerio Filice e Gianpaolo Palumbo ne amplificheranno le suggestioni sceniche. La realizzazione dei costumi, dalla progettazione alla creazione è curata da Moema Academy, il trucco scenico da Olos di Claudia Garofalo, l’illustrazione grafica di Alessandro Sposato. Tra le altre maestranze: Eros Leale per la Scenotecnica, Paolo Carbone per il Disegno luci, MarcoMix per Service e Fonia e Giuseppe Conti Assistente alla Regia. La direzione di palcoscenico è affidata a Simona Scarpino.